Acidosi metabolica di basso grado: la causa di cento malattie.

Acidosi metabolica di basso grado: la causa di cento malattie.

Acidosi metabolica di basso grado: la causa di cento malattie.

Si definisce acidosi metabolica di basso grado, la condizione cronica, in cui l’organismo non sia riuscito a detossificarsi costantemente dai residui acidi che si producono costantemente con il metabolismo, e li abbia accumulati nei liquidi interstiziali. Studi dimostrano come il pH (che rappresenta il grado di acidità delle soluzioni acquose) sia sempre alcalino nel sangue e possa diventare acido nei liquidi organici presenti tra le cellule. Questa condizione, che si realizza a causa di uno stile di vita erroneo: dieta acidosica, fumo, stress psico fisico, alcool può essere alla base di numerose patologie.(1) Uno studio pubblicato su World Journal of Diabetology spiega come la presenza di cataboliti acidi presenti fra le cellule possano inibire l’azione degli ormoni, come succede per l’insulina.(2)

La mancata attivazione del recettore  dell’insulina causa la cosiddetta “resistenza insulinica”, una condizione in cui la glicemia può aumentare e non essere controllabile. Alcuni esperimenti hanno dimostrato come l’assunzione di 5 litri di acqua pura e bilanciata in persone che assumevano insulina, in assenza delle somministrazioni quotidiane dell’ormone, causa l’abbassamento e il bilanciamento della glicemia molto rapidamente e stabilmente.

Questa osservazione può essere applicata anche al funzionamento di altri ormoni come la tiroxina, il cortisolo, il testosterone, gli ormoni femminili ecc..

In breve: la funzione degli ormoni, che utilizzano un meccanismo di tipo ligando-recettore, in presenza di acidosi metabolica di basso grado, funzionano con difficoltà. Questa condizione non mette in pericolo di vita come fa l’acidosi metabolica acuta, che è una situazione di emergenza, e non è nemmeno lontanamente paragonabile alla sindrome che stiamo descrivendo.

L’acidosi metabolica di basso grado invece viene spesso configurata come Sindrome Metabolica e si associa a segni quali l’obesità viscerale, l’ipercolesterolemia, l’ipertrigliceridemia, l’ipertensione arteriosa. Secondo gli studi di Otto Warbourg, premio Nobel per la Medicina 1931, l’acidosi metabolica sarebbe la causa principale della mutagenicità cancerogenica (3). Tale tesi è stata ripresa con successo attraverso gli studi del Prof. Stefano Fais dell’Istituto Superiore di Sanità, nel suo libro “L’approccio alcalino per la prevenzione e la cura delle malattie”.

Oggi più che mai, l’acidosi metabolica cronica di basso grado rappresenta una condizione complessa alla base di tante patologie a carico di diversi apparati: cardiovascolare, respiratorio, nefro-urologico, ginecologico, dermatologico, osteoarticolare e neurologico.

Affrontare con efficacia l’acidosi metabolica significa fare attenzione all’assunzione eccessiva di cibi che producono scorie acide e aumentare l’apporto di acqua di buona qualità per favorirne l’eliminazione, condurre uno stile di vita con il giusto movimento fisico all’aria aperta.

Ezio Sblendorio

Bibliografia:

  • Metabolic Acidosis-Induced Insulin Resistance and Cardiovascular Risk

Gema Souto, B.S.,1 Cristo´ bal Donapetry, M.D.,2 Jesu´ s Calvin˜o, M.D.,2 and Maria M. Adeva, M.D., Ph.D.2

METABOLIC SYNDROME AND RELATED DISORDERS

Volume 9, Number 4, 2011

  • Roles of interstitial fluid pH in diabetes mellitus: Glycolysis and mitochondrial function

Yoshinori Marunaka

World J Diabetes 2015 February 15; 6(1): 125-135

3-Role of pHi, and proton transporters

in oncogene-driven neoplastic

transformation

Stephan Joel Reshkin, Maria Raffaella Greco and Rosa Angela Cardone

Department of Bioscience, Biotechnology and Biopharmaceutics, University of Bari, Bari 70126, Italy

Phil. Trans. R. Soc. B 369:

20130100.